Gestione acqua Fidenza e Comuni della Bassa Parmense

Agevolazioni

Bonus sociale idrico

Dal 1 gennaio 2018 è attivo il “bonus sociale idrico” (ovvero ‘il regime di compensazione della spesa sostenuta dai clienti domestici residenti per la fornitura di acqua’). Tale compensazione, sotto forma di sconto applicato nella bolletta per la fornitura del servizio di acquedotto, è uno strumento introdotto dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente che ha l’obiettivo di sostenere le famiglie in condizione di disagio economico e/o fisico, garantendo loro un risparmio sulla spesa annua.

Sono ammessi al bonus sociale idrico gli utenti domestici residenti (le famiglie), sia diretti intestatari del contratto di fornitura di acqua che indiretti, ovvero la cui fornitura è sottesa ad un contratto unico condominiale, che abbiano un ISEE inferiore a 8.107,50 euro. Per i nuclei familiari con almeno 4 figli a carico la soglia ISEE è innalzata a 20.000 euro. I titolari di Carta Acquisto e Carta REI accedono automaticamente al bonus sociale idrico.

Ciascun nucleo ISEE in condizioni di disagio economico ha diritto al bonus sociale idrico con riferimento ad un solo contratto di fornitura.

Il bonus è valido per dodici mesi e ne può essere richiesto il rinnovo se permangono le condizioni di disagio economico.

Per accedere al bonus sociale idrico occorre fare domanda presso il proprio Comune di residenza o presso altro istituto da questo designato (CAF), presentando l’apposita modulistica compilata in ogni sua parte, scaricabile direttamente dal sito dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente www.arera.it

Per compilare i moduli sono necessarie tutte le informazioni relative al richiedente il bonus, alla sua residenza, al suo stato di famiglia e al contratto di fornitura per il quale viene richiesto il bonus (informazioni facilmente reperibili sulle bollette), nonché la documentazione relativa all’ISEE.

Per il solo anno 2018, le domande di ammissione al bonus sociale idrico possono essere presentate a partire dal 1 luglio 2018, congiuntamente a quelle presentate per il servizio elettrico e del gas (gli anni successivi potranno essere presentate in ogni momento dell’anno).

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito internet dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas www.arera.it